Fare trading online: come arrivare preparati alla fase calda

investire-in-Borsa

Fare trading online richiede una conoscenza approfondita delle strategie di investimento e altri metodi e accorgimenti per ottimizzare al meglio le probabilità di riuscire a guadagnare con continuità con opzioni binarie e CFD. Per questo motivo, abbiamo pensato di introdurvi le migliori mosse per riuscire ad arrivare preparati all’appuntamento con il trading su internet, dal momento che quando in ballo ci sono i soldi reali non sono più consentiti margini d’errore troppo elevati.

1. Fare trading online con le strategie

Il primo consiglio che vi diamo, per rendere ottimale l’approccio con il trading online, è quello di studiare a fondo le strategie per investire nel migliore dei modi su qualsiasi asset. Non importa se scegliete le opzioni binarie, i CFD o qualsiasi altro strumento per trattare i vari beni presenti sul mercato (come azioni, obbligazioni, materie prime, Forex, ecc.), dal momento che le migliori strategie pongono al centro dell’attenzione la previsione statistica di qualsiasi fenomeno, stimando i valori futuri di un certo asset in base al valore preso dallo stesso nell’ultimo periodo. Grazie alle piattaforme di trading, scegliendo correttamente il vostro broker di riferimento (come vedremo al punto 3 della guida) avrete dalla vostra parte tutti i grafici utili per applicare i metodi appresi. Alcuni esempi di questo tipo sono le medie mobili, le Bande di Bollinger e l’interpretazione dei supporti e resistenze.

2. Informarsi sull’andamento dei mercati

 Il processo che consente di fare trading online nel migliore dei modi non è semplicemente qualcosa di automatico e basato banalmente sul comportamento dell’asset nell’ultimo periodo. Ovviamente le strategie aiutano e sono spesso la parte decisiva per guadagnare grosse cifre, ma se non si capisce che l’influenza su un mercato arriva dalle ultime notizie del mondo dell’economia internazionale non si va da nessuna parte. Proprio a questo proposito, esiste uno strumento chiamato calendario economico, in grado di mostrare i possibili cambiamenti che avranno a breve gli asset considerati dal sito. Non a caso, spesso il calendario (aggiornato minuto per minuto) è disponibile proprio presso il portale con cui state facendo trading online.

3. Scegliere un broker sicuro e vantaggioso

Come già abbiamo visto fino a questo punto della guida, le migliori piattaforme per applicare strategie di trading online e strumenti come il calendario economico, efficaci per prevedere l’evoluzione degli asset nel mercato delle opzioni binarie o dei CFD, si trovano soltanto presso i migliori broker. A questo punto, risulta automatico chiedersi: come scegliere un buon servizio e non rischiare di andare incontro a truffe? Innanzitutto bisogna puntare sulla sicurezza, scegliendo sempre siti web per investimenti in possesso di regolare licenza CySec, MiFid, Consob o altri enti di certificazione che operano in questo campo. In secondo luogo, il vostro compito sarà quello di distinguere i portali più economici da quelli troppo costosi informandovi riguardo i bonus disponibili sul primo versamento, i guadagni massimi raggiungibili (in molti casi si arriva anche al 500%, specialmente con le opzioni binarie) e le cifre minime di deposito e singolo investimento.

4. Cominciare con un conto demo

Il consiglio che teniamo sempre a dare, a chi vuole fare trading online e avere subito successo nonostante non abbia ancora maturato esperienza, è quello di cominciare con un conto demo. Resi disponibili da tutti i broker con un minimo di professionalità, questi particolari account rappresentano una ghiotta opportunità per capire se si è veramente preparati alla fase calda o se vanno rivisti i nostri gradi di preparazione sulle strategie e i migliori metodi di investimento. Il broker metterà a vostra disposizione del denaro fittizio e il consiglio è di trattarlo come se fossero soldi reali, in modo da capire se veramente questa attività potrà portarvi subito verso gli incassi o se magari è necessaria altra pratica con l’account di prova.

Spike nell’analisi tecnica: di cosa si tratta e come si forma

price-spike-cropped

Continuiamo anche oggi con i nostri approfondimenti di analisi tecnica, cercando di arricchire la gamma di “armi” a disposizione per poter avere la giusta interpretazione di quello che accade all’interno delle formazioni grafiche. È dunque giunto il momento di comprendere cosa sia lo spike, e in che modo può essere formato questo particolare elemento.

Investire nelle opzioni binarie con i rettangoli

forex

Qualche giorno fa abbiamo avuto modo di comprendere cosa siano i triangoli, e in che modo poter investire attraverso questa formazione grafica, ottenendo da essa alcune informazioni utili per poter orientare i propri comportamenti e le proprie strategie.

Ebbene, “aggiungiamo” un lato, e cerchiamo di comprendere in che modo poter investire nelle opzioni binarie con i rettangoli: una formazione utile per poter arricchire le nostre conoscenze sui pattern e delineare in tal modo un comportamento ancora più efficiente sul fronte degli impieghi nelle opzioni binarie.

Quotazione dei Btp, da cosa dipende e come scoprirla

btp-11

La quotazione dei Btp è uno degli argomenti sui quali val la pena di concentrare i maggiori sforzi attenzionali se il vostro obiettivo è quello di investire nei titoli di Stato.

La motivazione è abbastanza semplice: solamente analizzando correttamente e congruamente il percorso di quotazione e di rendimento di un Btp, riuscirete a comprendere i vantaggi derivanti dall’apertura o dalla chiusura di specifiche posizioni su tale titolo di Stato. Ma andiamo con ordine.

Quale è il rendimento di un Btp

Il rendimento del Btp è un elemento piuttosto complesso che racchiude sia gli interessi che vengono percepiti dal titolare del titolo di Stato, sia il guadagno o la perdita in conto capitale. Ora, ricordando che alla scadenza i Btp “pagano” il loro valore nominale (fatto pari a 100), ne deriva che quando si acquista un Btp sotto quota (es. a 98), il suo rendimento sarà maggiore della somma degli interessi acquisiti (poichè vi sarà anche un margine positivo di conto capitale) mentre – di contro – quando si acquista un Btp sotto quota (es. a 102), il rendimento complessivo sarà inferiore alla somma degli interessi acquisiti (poichè vi sarà un margine negativo di conto capitale).

Stabilito quanto precede, possiamo tuttavia ipotizzare che l’investitore non abbia voglia o convenienza di mantenere il proprio Btp fino alla scadenza, e che desideri pertanto venderlo sul mercato secondario prima della data stessa. In questo caso, il guadagno complessivo derivante dall’operazione non potrà che essere dato dalla differenza tra quanto incassato e quanto speso, tenendo in considerazione sia l’utile speculativo (che corrisponde alla differenza tra il prezzo di vendita e il costo di acquisto), sia l’interesse maturato (cioè le cedole riscosse).

A questo punto, è lecito poter effettuare un ulteriore passo avanti. In che modo le quotazioni dei Btp cambiano?

Fattori che influenzano le quotazioni dei Btp

Le quotazioni dei Btp  www.scalpingonline.com  vengono influenzate da una lunga serie di fattori. Tra le principali – in termini positivi, ovvero, in modo tale da provocare un incremento delle quotazioni – possiamo certamente ricordare il calo dei tassi e dei cds, un restringimento dello spread tra i Btp e i Bund, la salita dell’inflazione attesa, il miglioramento dei dati macro economici (quali quelli occupazionali, di deficit, di rapporto tra il debito e il Pil, e così via).

Di contro, le quotazioni dei Btp vengono influenzate negativamente se i tassi e i cds crescono, se lo spread tra i Btp e i Bund si allarga, se l’inflazione attesa cala, se peggiorano i dati dell’occupazione e altri elementi macroeconomici, se vengono emessi nuovi titoli.

Come verificare le quotazioni dei Btp

A questo punto, manca un solo tassello alla nostra esposizione: in che modo verificare l’andamento dei prezzi dei Btp? La risposta è, fortunatamente, molto semplice. Sarà infatti sufficiente consultare le pagine informative realizzate dal proprio broker di fiducia o, in alternativa, rivolgersi al sito internet della Banca d’Italia (bancaditalia.it), società di gestione dei mercati regolamentati, dove i Btp sono regolarmente quotati, e dove possono pertanto essere fatti oggetto di compravendita.

Il deposito per le opzioni binarie

deposito

Il grande successo che le opzioni binarie stanno conoscendo tra gli italiani sta facendo anche emergere la scarsa educazione finanziaria dei nostri connazionali.

C’è tanta confusione ed è un peccato visto che il trading binario è una delle forme di trading on line in assoluto più semplice.

Uno degli aspetti che viene più spesso frainteso è il deposito per le opzioni binarie. Molto spesso infatti l’aspirante trader è portato a credere che il deposito sia una sorta di pagamento che deve essere effettuato al broker per cominciare a operare con le binarie. Niente di più falso. Il deposito è semplicemente un trasferimento di denaro ma i soldi restano comunque e sempre di proprietà del titolare dell’account.

Investire nei mercati finanziari con i triangoli

forex

Nelle ultime settimane abbiamo avuto modo di analizzare diverse formazioni grafiche particolarmente utili per poter orientare i comportamenti del trader sui mercati finanziari. Continuiamo pertanto ad addentrarci in questo meraviglioso comparto, introducendo i triangoli, pattern generalmente di continuazione che – tuttavia – possono trasformarsi in segnali di inversione in alcune determinate condizioni.

Doppio minimo e analisi fondamentale

doppio minimo

Sul nostro sito lasciamo ampio spazio alle basi dell’analisi tecnica, quel ramo della formazione delle strategie di trading che si fonda sull’osservazione dei grafici e sull’interpretazione dei pattern (e non solo!). Ma è possibile cerare di tracciare una linea di collegamento tra l’analisi tecnica e l’analisi fondamentale?

Come interpretare il doppio minimo

doppio minimo

Il doppio minimo è una formazione grafica particolarmente utile per poter orientare le preferenze di investimento del trader, con specifici termini di sintonia con il doppio massimo. Attenzione tuttavia a non ritenere che doppio massimo e minimo siano speculari: le caratteristiche alla base delle due formazioni sono infatti parzialmente diverse, e in grado di influenzare in misura significativamente diversa le strategie degli investitori.

Vantaggi e svantaggi del trading automatico

trading automatico

Diverse volte sul nostro sito abbiamo avuto occasione di parlare del trading automatico, un sistema che permette di stabilire delle regole di negoziazione, e impartire al software le istruzioni di acquisto o di vendita sulla base delle condizioni di mercato (le quali, naturalmente, verranno monitorate in automatico dalla stessa piattaforma, liberando di tempo e di fatica il trader). Ma quali sono i vantaggi e gli svantaggi di questa innovativa modalità di investimento?

Come fare trading con il commodity channel index

forex trading cci

Si chiama commodity channel index (d’ora in poi, per comodità, CCI), ed è uno degli indicatori più “sottovalutati” dai trader alle prime armi. Il tutto, nonostante il CCI possa essere realmente molto utile per poter orientare in maniera efficace la propria strategia di trading. Ma cosa è il CCI? E come si calcola? Come si utilizza?

Sinteticamente, cerchiamo di ricordare che il CCI è un indicatore realizzato da Donald Lambert, e idoneo a misurare la deviazione dei prezzi rispetto a una media statistica.